TRIO ARTEMISIA

__________________________________________________


Stefania Belotti, clarinetto

Rosalba Montruccio, flauto

Maria Pia Carola, pianoforte

ROSALBA MONTRUCCHIO, flauto

Figlia d’arte, ha compiuto gli studi musicali al Conservatorio G. Verdi di Milano sotto la guida di B. Martinotti. Nel 1978, si è classificata prima assoluta al Concorso Internazionale di Musica di Stresa. Diplomatasi brillantemente in Flauto nel 1979, ha iniziato subito ad insegnare nei Conservatori di Alessandria, Mantova e Novara.

Ha focalizzato il suo interesse verso i differenti aspetti della musica strumentale, spaziando dalla musica dell’800 fino a quella contemporanea, passando per la musica di scena, alla riscoperta anche di repertori meno conosciuti. In questo suo percorso ha collaborato con G. Tintori, direttore del Museo Teatrale alla Scala, con il Teatro La Fenice di Venezia partecipando a vari spettacoli con la regia di L. Arruga, con il Piccolo Teatro di Milano con L. Puggelli e con la compagnia teatrale di A. Quasimodo.

Ha tenuto numerosissimi concerti in duo flauto e chitarra in prestigiose sale incidendo 4 dischi con la casa discografica Ariston. Importanti compositori, tra i quali B. Bettinelli e R. Malipiero, hanno dedicato pagine al suo duo. Ha svolto un importante lavoro di ricerca sulle stampe d’epoca di brani come i duetti di A. Rolla, varie composizioni di A. Nava, il duetto concertante op. 87 di L. R. Legnani, eseguendoli poi in prima moderna. Ha curato per la Casa Editrice Vigormusic le edizioni moderne di brani e metodi dell’Ottocento e del primo Novecento italiano. È Presidente dell’associazione culturale Magistrae Musicae, fondata per diffondere e sostenere iniziative culturali che promuovono la creatività della donna artista nelle varie epoche, con cui organizza stagioni musicali, convegni ed eventi. È stata la responsabile del Festival Fiati del Conservatorio “G. Cantelli” dalla sua creazione alla dodicesima edizione.

MARIA PIA CAROLA, pianoforte


Ha ricevuto la formazione pianistica al Conservatorio di Milano con il massimo dei voti e la lode, perfezionandosi poi con i migliori maestri (Diploma di Merito della Accademia Chigiana con Guido Agosti e successivamente con Paul Badura-Skoda, Franco Scala, Boris Petrushanskij e Lazar Berman). Ha partecipato a concorsi nazionali e internazionali con cinque primi premi vinti.

Ha iniziato la sua carriera molto giovane e tuttora svolge attività come solista tenendo recital in teatri e sale da concerto in Italia, in tutta Europa, Stati Uniti, Sud Africa, Giappone e Sud America. Ha suonato con numerose orchestre (Pomeriggi Musicali, Angelicum, Accademia Pescarese, Orchestra di Stato della Romania, Sinfonica di Katerinoslav, Filarmonica di Omsk, Orchestra di Odessa, Sinfonica Jupiter ecc.) e in sale prestigiose (Sala Verdi di Milano, Santa Cecilia di Roma, Teatro del Libertador di Cordoba, Musikverein di Vienna ecc.) riscuotendo sempre ampi consensi di pubblico e critica. Di lei si apprezzano “…la naturale espressività, la raffinatezza interpretativa e la capacità di alternare effetti sonori coloristici di vivida lucentezza a momenti di ispirato lirismo…”.

Il suo repertorio spazia da Bach ai grandi della letteratura pianistica del primo 900, ha in repertorio l’opera omnia di Ravel, include volentieri nei suoi programmi brani di autori contemporanei e jazz.

Parallelamente svolge un’intensa attività cameristica collaborando con numerosi musicisti in varie formazioni. Ha fondato ed è direttrice didattica del CMT (Centro Musicale Territoriale) di cui cura anche le stagioni concertistiche. È docente al Conservatorio G. Verdi di Milano. Ha inciso per Sony e Symposium.

STEFANIA BELOTTI, clarinetto


Diplomatasi brillantemente nel 1986 al Conservatorio G. Verdi di Milano con Primo Borali ha frequentato i corsi di perfezionamento a Lanciano, Fiesole, Siena, Como e Lonato con i maestri Capicchioni, Garbarino, Meloni e Carbonare. Vincitrice di concorsi nazionali ed internazionali in duo con pianoforte, con Maria Grazia Petrali, e ottetto di fiati, gruppo Promenade, ha tenuto concerti in varie formazioni per importanti associazioni musicali in tutta Italia: Palazzo Grassi a Venezia, Teatro Manzoni, Museo della Scala e Sala Verdi a Milano, Teatro Comunale a Piacenza, a Roma, Bari, La Spezia...

Dal 1990 fa parte del gruppo strumentale Salotto '800 che accompagna il baritono Leo Nucci in teatri italiani ed esteri: Zagabria, Monaco, Bonn, Lille, Santiago e Vina del Mar in Cile, Opera di Roma, Comunale di Bologna, Bellini di Catania, San Carlo di Napoli, Teatro alla Scala di Milano, Salle Garnier di Montecarlo... Sempre con il suddetto gruppo incide quattro cd e nel 1996, a Vina del Mar, il gruppo ottiene il premio della critica per il miglior concerto dell'anno.

Salotto '800 ha accompagnato anche i soprani: Mariella Devia, Katia Ricciarelli, Raina Kabaiwanska e Luciana Serra; con quest'ultima ha inciso un cd Live. Ha collaborato in qualità di clarinetto, clarinetto piccolo e clarinetto basso con le orchestre RAI di Milano, Angelicum, Milano Classica, Comunale di Treviso, Filarmonica di Trento, Orchestra del Teatro Regio di Parma. Dal 2005 collabora per Agimus sezione di Verona ed esegue concerti in quartetto con voce, violoncello e pianoforte nelle stagioni di Milano, Verona, Monaco. Nel 2003 conclude il corso quadriennale di musicoterapia di Assisi. Dall'anno accademico 2007/2008 è docente di ruolo di clarinetto nei Conservatori di Trapani, Vicenza, Piacenza e attualmente di Milano.

Interessate a sviluppare sonorità e repertori inconsueti ed originali, le tre strumentiste, concertiste di vasta esperienza e colleghe in Conservatorio, hanno deciso di unire le proprie esperienze musicali ed artistiche in un organico brillante e inusuale.

Curiose e argute amano cercare soluzioni artistiche inusuali, mettendo la ricerca al servizio della cultura, la cultura al servizio della l’arte e l’arte al servizio della bellezza.













FRANCESCA PENSA


Nata a Milano nel 1956, si è laureata in lettere, indirizzo archeologico, presso l’Università degli Studi di Milano.

Ha collaborato con Pierluigi De Vecchi, sotto la cui direzione ha realizzato parte del testo Arte nel tempo, edito da Bompiani nel 1991, con riferimento specifico al primo tomo del primo volume concernente la sezione di arte antica.

Si è dedicata allo studio dei fenomeni del classicismo, della ripresa dell’antico, oltre che all’analisi della riproduzione delle testimonianze artistiche, collegata alla percezione storica del mondo classico.

Dal 1985 si occupa di arte contemporanea, curando la realizzazione di numerose esposizioni, tra le quali si ricordano: Natura e Materia - Opere di Ennio Morlotti alla Chiesa di S. Cristoforo a Lodi nel 2000, Natura e Colore - Opere di Bruno Cassinari alla Chiesa dell’Angelo a Lodi nel 2001, Mimmo Paladino – opere grafiche allo Spazio Hajech a Milano nel 2004, Mauro Staccioli allo Spazio Hajech a Milano nel 2018.

E’ autrice di numerose pubblicazioni, tra le quali si ricordano: Cinque artisti a Milano, Mazzotta, Milano, 2003; Giandante X – L'arte di un combattente per la libertà, in Artisti e Resistenze, Milano, Poliartes, 2015, pp. 35-49; Bianca Orsi: storia e arte di una scultrice partigiana, in F. Pensa, G. Seveso ( a cura di), Una vigorosa passione – Arte e impegno nel lavoro di Bianca Orsi, Milano, Poliartes, 2017, pp 11- 23; Giancarlo Ossola e la Villa Arconati, in L. P. Nicoletti, F. Pensa ( a cura di), Doppio Interno – Giancarlo Ossola a Villa Arconati, Paris, Edition de Fèlin, 2018, pp. 15-22; Vicino e lontano dai murales in La realtà e il mito-le litografie di David Alfaro Siqueiros della collezione De Micheli, AREF, Brescia, 2019, pp. 7-16; Arte e vita di Genni - scultrice europea e partigiana italiana in F. Pensa, G. Seveso ( a cura di), Genni - una scultrice di respiro europeo nella Milano del '900, Poliartes, Milano, 2019, pp 21-43.

Dal 2005 si occupa di ricerca storico-critica rivolta specificamente alle testimonianze artistiche del territorio lombardo e in questo ambito ha pubblicato: Il Santuario della Madonna dell’Aiuto a Opera, Opera, 2009; La chiesa dei Santi Fermo e Rustico a Quinto Stampi di Rozzano, Biblion editore, Milano-Venezia, 2010; Le Belle di Villa Silva in Cinisello, Bellavite editore, Missaglia, 2011; San Bernardino alle Monache a Milano in via Lanzone, Biblion Editore, Milano-Venezia, 2011; Santa Chiara Nuova di Lodi – Storia e arte di un monastero di Clarisse, in Archivio Storico Lodigiano, CXXXI, 2014, pagg. 347-403; La Griselda dipinta negli affreschi del Castello di Roccabianca in Chiara Boldorini (a cura di) Pensare per immagini – arte e simbolo nel Rinascimento, Mimesis ed., Milano-Udine, 2019, pp. 179-190.